Tenuta Sant'Antonio

Le Grotte

Il territorio di Santa Cesarea Terme è pianeggiante nell’entroterra ma ha coste frastagliate, bellissime, con suggestive grotte, faraglioni e piccole baie. Il turista di questa località si ritrova davanti ad un paesaggio diviso tra 0 e 129 metri dal livello del mare. Proprio in alcune delle grotte pocanzi citate, sgorgano le acque termali che rendono lustro alla cittadina. Gattulla, Solfurea, Fetida e Solfatara sono i nomi delle quattro grotte entro le quali sgorgano acque sulfureo-salso-bromoiodiche che hanno la temperatura di trenta gradi centigradi.

LA GROTTA DELLA ZINZULUSA: Un maestoso ingresso scavato in una parete a picco sul mare di Castro dà il benvenuto alla Grotta Zinzulusa, uno dei maggiori fenomeni carsici del Salento.
Così soprannominata dalla fantasia popolare che vede nelle numerose stalattiti e stalagmiti gli stracci di un abito logoro, nell’idioma salentino appunto gli “zinzuli”, la grotta si sviluppa in diverse parti.
Superato l’ingresso, si accede a una galleria carsica che penetra il ventre della terra per un centinaio di metri riducendo progressivamente la propria sezione fino a raggiungere il Duomo, il salone terminale del tratto emerso, quello turistico.
Da questo punto in poi infatti un abbassamento di quota conduce alla parte sommersa della grotta, il Cocito. Al suo interno sono stati rinvenuti fossili viventi unici al mondo tra cui spugne ipogee Higghinsia ciccaresi, e grosse stalagmiti sul pavimento, indice di un lungo periodo di emersione di tali ambienti.